MAENZA E LA RIVOLTA DEL 1911

10,00

di Alessandro Pucci

«Il mio modesto lavoro ha una sua spiegazione di fondo: inserire la rivolta e alcuni fatti accaduti a Maenza nel 1911 nel solco di altre sommosse popolari, esplose contro il feudo affamatore, cioè contro condizioni di vita di vero e proprio sfruttamento.
Sottolineare ancora una volta uno spaccato di vita delle nostre zone dei Lepini: le condizioni igienico-sanitarie, la rivendicazione dei diritti civili, lo sfruttamento vero e proprio dell’uomo sull’uomo. Un contributo modesto, per continuare a scavare nel nostro piccolo ambiente. Volevo far emergere nella ricerca i primi bagliori del movimento socialista, che cominciava a far presa sulle classi oppresse proprio facendo leva sulle condizioni di estremo sfruttamento della classe contadina».

Descrizione

Alessandro Pucci, avvocato, nato a Maenza (LT) nel 1952. Sindaco di Maenza dal 1985 al 1995, è un appassionato studioso di storia del suo paese, con numerose pubblicazioni all’attivo, tra cui: “Maenza da sudditi a cittadini” 1994; “Fatti e misfatti” 2011; “Il brigantaggio. Il sequestro dei collegiali di Terracina” 2011; “La fiera di sangue” 2011; “Il Castello di Maenza e San Tommaso d’Aquino” 2012; “La famiglia Troiani. Storia di diritti e libertà” 2014; “Maenza, il Medioevo e San Tommaso d’Aquino” 2016, quest’ultimo per Atlantide editore.

Informazioni aggiuntive

Titolo

MAENZA E LA RIVOLTA DEL 1911

Sottotitolo

Le condizioni di vita agli inizi del secolo.
I fatti, la cronaca e i documenti

Pagine

80

Formato

15×21 cm

Anno

2018

ISBN

9788899580308

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.